AGGIORNA IL TUO PROFILO

Telegram sta diventando uno strumento sempre più prezioso all'interno della nostra comunità.
Se anche tu hai sempre meno tempo ma vuoi rimanere connesso, inserisci il tuo nickname sul profilo personale.
Se non sai come trovarlo e ti serve una mano scrivi a [email protected]

Dupilumab

Come funziona il nostro sistema immunitario, come riparare disequilibri e come combattere le allergie e dermatite atopica
aronchi
Messaggi: 439
Iscritto il: 13/08/2015, 10:32
Contatta:

Re: Dupilumab

Messaggioda aronchi » 31/03/2017, 9:51

http://www.farmacista33.it/dermatite-at ... 39585.html
La Food and Drug Administration (Fda) ha approvato dupilumab, primo farmaco biologico approvato per il trattamento di adulti con dermatite atopica da moderata a grave, non adeguatamente controllata con trattamenti topici oppure quando questi trattamenti non siano indicati. Ad annunciarlo l'azienda Sanofi e Regeneron Pharmaceuticals, Inc. «Le persone con dermatite atopica da moderata a grave affrontano sintomi intensi, talvolta insopportabili per l'impatto sulla loro qualità di vita», afferma Julie Block, Presidente e Amministratore Delegato della National Eczema Association, associazione non-profit statunitense.
-----------
Nuovo del forum o ti serve un ripasso? Ti consiglio di leggere questo post
http://www.atopici.it/forum/viewtopic.php?f=3&t=1501

NB: Non sono un medico, quello che scrivo è una idea personale e come tale deve essere considerata.

fradeca
Messaggi: 98
Iscritto il: 03/03/2017, 0:22

Re: Dupilumab

Messaggioda fradeca » 03/04/2017, 19:13

http://www.farmacista33.it/dermatite-at ... 39585.html
La Food and Drug Administration (Fda) ha approvato dupilumab, primo farmaco biologico approvato per il trattamento di adulti con dermatite atopica da moderata a grave, non adeguatamente controllata con trattamenti topici oppure quando questi trattamenti non siano indicati. Ad annunciarlo l'azienda Sanofi e Regeneron Pharmaceuticals, Inc. «Le persone con dermatite atopica da moderata a grave affrontano sintomi intensi, talvolta insopportabili per l'impatto sulla loro qualità di vita», afferma Julie Block, Presidente e Amministratore Delegato della National Eczema Association, associazione non-profit statunitense.
http://investor.regeneron.com/releasede ... eid=991715

aronchi
Messaggi: 439
Iscritto il: 13/08/2015, 10:32
Contatta:

Re: Dupilumab

Messaggioda aronchi » 03/04/2017, 23:35

Questo medico invece ne parla molto male:

http://www.red-skin-syndrome.com/dupilumab-drug-work/
-----------
Nuovo del forum o ti serve un ripasso? Ti consiglio di leggere questo post
http://www.atopici.it/forum/viewtopic.php?f=3&t=1501

NB: Non sono un medico, quello che scrivo è una idea personale e come tale deve essere considerata.

aronchi
Messaggi: 439
Iscritto il: 13/08/2015, 10:32
Contatta:

Re: Dupilumab

Messaggioda aronchi » 11/04/2017, 16:53

Continua a parlarne male:
http://www.red-skin-syndrome.com/dupilu ... -comments/

L'idea che mi sono fatto è che andrebbe studiato meglio il suo effetto in soggetti che non assumono più cortisone da anni (o non l'hanno mai assunto).
Perché in chi è dipendente dal cortisone, rimangono gli effetti collaterali che si trascinano. E gli studi che hanno fatto in America pare che siano stati sull'assunzione contemporanea di cortisonici e dupilumab.

Credo invece che possa essere uno strumento utile per uscire dalla dipendenza del cortisone. Un medicinale da utilizzare in alternativa alla ciclosporina, che mi pare abbia effetti collaterali peggiori (ma andrebbe verificato e controverificato), per abbassare la reazione che avviene quando si smette con gli steroidi topici.

Passato un anno o due, a seconda dei casi, si smette anche con il dupilumab e si vede cosa è rimasto della dermatite originaria e della dipendenza.

Ad ogni modo, credo che sia giusto continuare ad approfondire, senza farsi troppe illusioni e se possibile verificando i risultati di ricerche scientifiche indipendenti e rigorose.
-----------
Nuovo del forum o ti serve un ripasso? Ti consiglio di leggere questo post
http://www.atopici.it/forum/viewtopic.php?f=3&t=1501

NB: Non sono un medico, quello che scrivo è una idea personale e come tale deve essere considerata.


Torna a “Approccio Immunologico e probiotici”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite